SEARCH SITE BY TYPING (ESC TO CLOSE)

00,00

LISTA ORDINI

Skip to Content

Terroir

La Verde Irpinia

Avellino è tra le province d'italia piu' importanti nella produzione vitivinicola, diventando con gli anni sempre piu' riconosciuta per i suoi vitigni autoctoni che danno vita sia a vini ben strutturati e armoniosi.

La provincia di avellino, l' irpinia, ricca di storia, di scenari naturalistici e paesaggistici di particolare bellezza. Soprattutto ricca di tradizioni contadine con vitigni autoctoni, quali l' aglianico, il fiano di avellino, la coda di volpe e il greco di tufo.

Caratteristiche della zona dei vitigni

0
Temperature medie annuale
0
Giorni soleggiati
400
Metri slm

Terreni

Si passa dai terreni di origine argilloso-calcareo e coltri pluviali commiste ad elementi vulcanici ricchi di sali minerali  a  terreni di medio impasto tendente allo sciolto, da terreni ricchi soprattutto in calcio e potassio scambiabile a  terreni ricchi di carbonio organico e azoto.

Varietà di uva

Pratichiamo la tradizionale raccolta a mano per preservare la migliore qualità del grappolo. La qualità del terreno e le condizioni climatiche dell' irpinia consentono la coltivazione di uve di altissima qualità.

Slide Aglianico L' Aglianico è un vitigno a bacca rossa, coltivato sin dai tempi dei romani. Trova la sua naturale vigogliosità, medio-alta, in terreni di origine vulcanica, calcarei ed argillosi. Ha bisogno di vento, soffre il caldo e resiste bene al freddo.

Epoca di vendemmia tardiva, grappoli di forma cilindrica o conica di dimensioni medie, mentre l’acino è di dimensioni medio-piccole, di forma sferica e colore blu-nero, il tutto con una produttività abbondante. Si ottiene un vino è di colore rosso rubino, d' intensi profumi fruttati, floreali e sfumature speziate con l'invecchiamento. La componente alcolica è di grande spessore, ben strutturato, e da il meglio di sè nel lungo processo di affinamento , come il Taurasi, che dura 49 mesi.
Slide Coda di Volpe Vitigno a bacca bianca, prende il nome dalla sua forma che ricorda una coda di volpe. Coltivato sin dai tempi dei romani. Predilige terreni collinari di medio impasto ed esposizione al sole. Grappoli di grosse dimensioni, densità a spargolo , che arriva fino ai 40 cm ; mentre le bacche sono di piccole dimensioni sferiche con bucce spesse e gialle, con pruina molto concentrata

Epoca di vendemmia a settembre. A maturazione raggiunge elevati livelli in zuccheri, con un acidità totale bassa, e il cui vino ha un colore giallo paglierino tendente al dorato. Profumo intenso, molto fruttato. Sapore secco con buona persistenza aromatica .
Slide Fiano di Avellino Si ottiene dal vitigno omonimo, conosciuto presso i latini con il nome di Vitis Apiana, che deriva da ape, in quanto le api sono particolarmente attratte dalla soave dolcezza di quest'uva. La raccolta avviene nel momento in cui gli acidi sono ancora ben presenti per donare al futuro vino sentori di fruttato. La sosta avviene in botti di acciaio e l' imbottigliamento avviene nel momento in cui gli aromi del vitigno, gli odori di fermentazione diventano quasi profumi.

Epoca di vendemmia fine settembre inizio ottobre. Colore giallo paglierino come il grano maturo, odore intenso persistente gradevole, sapore frescomorbido che richiama la nocciola tostata.
Slide Greco di Tufo Vitigno antico, di origine greca. Dalla Tessaglia in Campania, prima nella provincia di Napoli e poi in alcune zone della provincia di Avellino, in particolare Tufo. In questo terreno sono presenti zolfo ed altri minerali, quindi molto fertile e adatto alla coltivazione di tale vitigno. Le uve di questo vitigno sono caratterizzate da grappoli piccoli e compatti, con acini piccoli e pruinosi, gialli e ricoperti di puntini bruni.

Epoca di vendemmia fine settembre inizio ottobre. Colore giallo paglierino tenue, sapore fresco, morbido che richiama la mandorla amara in armonioso equilibrio.

Sostenibilità

I vitigni di uve bianche e rosse ricevono le cure più appropriate e necessarie ad evitare l’impiego di pesticidi, erbicidi e/o altri diserbanti chimici, favorendo l’uso di fertilizzanti naturali affinchè “…io non mi preoccupi se i miei bambini corrono nei vigneti, si sporcano e/o mettono chicchi d’uva in bocca.” La filosofia di Cantine Ruggiero è “la Qualità prima di tutto, sempre e senza alcuna eccezione”. Proteggere l’ ecosistema e la sostenibilità del territorio su cui crescono i vitigni, migliorandone la qualità dell’ ambiente con attività responsabili. Un progetto ambizioso che puo’ solo elevare sempre di piu’ lo standar qualitativo dei vini prodotti. L’ Azienda è in conversione Biologica.

Monitoriamo i dati delle stazioni metereologiche e le previsioni climatiche
Inerbimento dei terreni su determinate aree che ne necessitano
Vitigni in conversione Biologica. Metodi organici come prevenzione e controllo dei parassiti
Preservare strutture tradizionali nei territori dei vigneti.
Monitorare ed apportare sostegno ai vitigni con le tradizionali tecniche
Ricercare soluzioni continue per apportare migliorie

to-topto-top
Cantine Ruggiero | Domande
Invia via WhatsApp